L’arteterapia è una delle terapie su base artistica di supporto e completamento alla terapia medica antroposofica. Può essere indicata per patologie sia di natura organica, che psichica, che psicosomatica. La prescrizione del medico può essere indirizzata sia ad intenti preventivi, che come sostegno, rinforzo e strumento di cura durante il trattamento della patologia in atto, in fase acuta o cronica a seconda dei casi, sia come supporto o pratica decisiva in fase di convalescenza.


Il presupposto di partenza di ogni intervento terapeutico è la visione antropologica che scaturisce dall’ Antroposofia di R. Steiner: in sintesi si appoggia sulla determinazione dei 4 arti costitutivi umani e sul loro sviluppo nel corso della biografia, sulla triarticolazione delle facoltà animiche, sulla dinamica dei processi fisiologici che caratterizzano il vivente e sullo sviluppo dell’impianto sensoriale umano. 


Nell’ arteterapia si utilizzano specificatamente gli strumenti, le tecniche ed i processi propri delle arti figurative -pittura, arte plastica e arte grafica- e questi strumenti costituiscono sia la base per una lettura diagnostica fondata su un’osservazione secondo il metodo fenomenologico che il mezzo terapeutico stesso.